Videointervista

Randstad Award: cosa vogliono i lavoratori italiani da un’azienda?

Randstad accompagna le aziende nel conoscere meglio le aspettative dei lavoratori italiani e ci racconta in cosa differiscono rispetto a un contesto internazionale

Il Randstad Award 2014

Il Randstad Award si basa sulla più grande indagine indipendente mai realizzata sull’employer branding.
Si distingue dalle altre proprio per la dimensione del campione, circa tre volte più grande rispetto alla maggior parte delle indagini sul tema. Inoltre le aziende sono selezionate con estrazione casuale: non possono quindi richiedere di far parte del sondaggio, assicurando così l’oggettività del risultato.

Perchè continuare a fare Employer Branding

Nel mercato del lavoro altamente competitivo di oggi, l’employer branding è uno strumento cruciale per attrarre e trattenere i migliori talenti.
L’immagine di un’organizzazione però è definita solo in parte dalla comunicazione interna ed esterna: molto spesso la percezione pubblica di una società è influenzata da comportamenti oggettivi e dal modo in cui opera nel mercato.
Questo è il motivo per cui Randstad ha sviluppato un metodo di ricerca che conduce a risultati affidabili attraverso cui le aziende possono misurare e migliorare le proprie politiche di employer branding. Così si definisce il livello di attrattività percepita che hanno da parte dei potenziali dipendenti, ovvero quanto e per quali fattori sono capaci di “attirare l’attenzione” di chi cerca lavoro e vuole cambiarlo.

Il Randstad Award aiuta quindi a reclutare i migliori talenti presenti sul mercato dando informazioni in merito alla percezione e alle preferenze dei potenziali lavoratori . Nel contempo, aiuta a capire come trattenere e motivare i propri dipendenti.

Fornisce indicazioni estremamente utili per le aziende, il cui asset strategico si rivela sempre più quello costituito dalle persone. Inoltre è un insight interessante sulle attività e le misure vincenti prese per le proprie “persone” dalle altre realtà presenti sul mercato.

A cura di Patrizia Origoni, Valentina Sangiorgi, Cristina Zanat, Letizia De Felice, Bianca Cavedagni

Related Posts